missioni

Le ultime domande

[Domanda n.1815] Vorrei conoscere l'esatta interpretazione dell'art. 11 della Legge 18 Dicembre 1973 nr. 836, in particolare se per una missione, relativa ad una citazione in qualità di teste, compete la sosta intermedia, considerando che che la distanza è superiore ai 1000 Km. Si richiede inoltre se è possibile usufruire del mezzo aereo.

Riguardo al caso di personale citato in qualità di teste, nell'interesse dell'Amministrazione in località diversa dalla sede ordinaria di servizio va in primo luogo chiarito che la durata della missione deve essere commisurata al tempo necessario per assolvere l'impegno, nonchè al raggiungimento della località. Occorrerà inoltre valutare i tempi in cui l'interessato deve rimanere a disposizione dell'A.G. nonchè i tempi di viaggio in relazione ai mezzi di trasporto utilizzati. Nell'ipotesi in cui la località di missione risulti distante oltre 800 km. dalla sede ordinaria di servizio e per raggiungerla occorre impiegare almeno 12 ore di viaggio e che inoltre non sia possibile effettuare il viaggio di ritorno in sede nella stessa giornata, si conferma quanto previsto dall'articolo 11 della legge 836/1973 ove è stabilito che al dipendente è consentita una sosta intermedia non superiore a 24 ore ed un'altra sosta dopo ogni ulteriore tratto di 600 km. La sosta intermedia non è consentita nei viaggi in cui si faccia uso di posto letto, di cuccetta o di aereo. Il mezzo aereo può essere utilizzato previa apposita autorizzazione.

[Domanda n.2009] Vorrei alcune delucidazioni sulla possibilità di autorizzare il rimborso delle spese sostenute da un operatore della Polizia di Stato, in occasione di missioni effettuate in presenza di procedimenti penali, amministrativi e contabili ancora pendenti?

Al riguardo si richiamano le disposizioni dell'art.7, comma 4, del D.P.R. 164/2002, in cui è precisato che al personale imputato o indagato per fatti inerenti al servizio compete il trattamento economico di missione eslusivamente nel caso di proscioglimento o assoluzione definitiva. Ciò premesso, è evidente che per autorizzare il pagamento in argomento sarà necessario attendere l'esito dei procedimenti sopra indicati, per verificare che gli interessati siano sollevati da ogni addebito.

[Domanda n.2010] Sono un appartenente della Polizia Stradale, vorrei notizie sull' attribuzione del trattamento di missione, per accertamenti effettuati presso la C.M.O. disposti d'ufficio o a richiesta del dipendente?

In merito al quesito posto si fa rinvio alle disposizioni impartite con circolare n333/G/9814.B del 12.12.1986 della Direzione Centrale del Personale (ora per le Risorse Umane), ove è precisato che, ai fini in esame, sarà necessario distinguere se la procedura di invio alla C.M.O. sia stata attivata per accertamenti disposti d'ufficio o nell'interesse dell'Amministrazione, oppure derivi da un'istanza del dipendente. Nel primo caso si potrà procedere al rimborso delle spese relative alla missione effettuata per sostenere le visite mediche in questione; diversamente, nel caso in cui il dipendente sia sottoposto ad accertamenti sanitari di sua iniziativa, sarà destinatario del rimborso solo se otterrà il formale riconoscimento della causa di servizio.


Parole chiave: