Velocità

Paolo Blora in sella alla mitica 113 La disciplina "velocità" è articolata in diversi campionati, tra i quali il più seguito è la "Moto GP", dove le motociclette sono dei prototipi che rappresentano il massimo della tecnologia motoristica applicata ad una moto, un po' come la "Formula 1" nelle auto.

Le gare si svolgono su due manche di circa trenta minuti ed ognuna è valida ai fini del punteggio per il campionato, che è molto seguito sia dalle case produttrici di moto, che vedono un ottimo veicolo pubblicitario per la loro produzione di serie, sia dal pubblico motociclista, che vede gareggiare moto identiche a quelle acquistabili da un normale concessionario.

Naturalmente, essendo le case motociclistiche impegnate con propri team ufficiali, esistono sostanziali differenze nelle prestazioni tra moto acquistabili e moto ufficiali, ma la matrice tecnica e l'immagine della moto è la stessa.

Le doti richieste per praticare questa disciplina sono essenzialmente coraggio e determinazione dato il rischio insito nelle elevate velocità raggiunte dalle moto. Attualmente, con l'evolversi della specialità, anche l'allenamento fisico ha cominciato a rivestire un ruolo importante nella preparazione del pilota, visto che le potenze che le moto sono in grado di sviluppare mettono a dura prova la condizione atletica dei concorrenti.

A causa degli alti costi di questa specialità, non è stato possibile allestire una squadra delle Fiamme oro, che prestano quindi i loro piloti ai team privati.

Dopo il ritiro dalle corse di Paolo Blora, il "poliziotto volante" che in sella alla bellissima 113 ha corso con successo per molti anni nel campionato superbike, vincendo anche il titolo italiano nel 1998, il settore velocità delle Fiamme oro motociclismo sembrava destinato ad estinguersi.

Oggi Blora è il tecnico della velocità cremisi e insieme a lui la polizia ha deciso di rilanciare l'interesse per il motomondiale andando a caccia dei giovani talenti più promettenti del panorama motociclistico italiano.

Nel 2011, grazie ai concorsi riservati agli atleti, sono stati arruolati 3 talenti della velocità che oggi corrono con lo stemma delle Fiamme oro sul petto e sul casco.

Michele Pirro e Danilo Petrucci corrono nella classe regina del motomondiale, mentre Simone Corsi gareggia in moto2, nello stesso team di Petrucci.

Esistono altri campionati di velocità che hanno la capacità di richiamare un vasto interesse di pubblico e di addetti ai lavori. Il più importante è la "Superbike". In questa categoria si gareggia con moto derivate dalla produzione di serie e sono ammesse modifiche e migliorie codificate da un preciso regolamento.

12/04/2008
(modificato il 22/02/2013)


Parole chiave: