Trial

Una fase del trialTra le discipline motoristiche fuoristrada il trial è quella che più affascina per le evoluzioni e il controllo della moto nelle condizioni più incredibili.

Le gare hanno uno svolgimento simile all'enduro per quel che riguarda il percorso di gara, con la differenza di avere molte più prove speciali e un tempo limite entro cui bisogna tagliare il traguardo.

Anche le prove speciali sono diverse perché non prendono in esame il tempo impiegato ma le penalità commesse nell'affrontarle. Infatti le prove speciali, dette "zone", sono realizzate in luoghi impervi, dove bisogna superare grossi massi o ripidissime salite e discese costellate da numerose difficoltà, curve strettissime e in contropendenza, dove nel percorrerle è vietato fermarsi con la moto, appoggiare i piedi a terra e naturalmente bisogna completare la "zona", pena l'assegnazione di penalità che sono così suddivise: cinque punti per caduta o rifiuto di un ostacolo, un punto per ogni volta si appoggia il piede a terra fino ad un massimo di tre.

Le motociclette usate per le gare, in regola con il codice stradale, sono molto particolari, caratterizzate da un'estrema leggerezza, dimensioni molto contenute e motori non molto potenti ma dal funzionamento dolce.

Con questo tipo di mezzi e un'abilità straordinaria, i piloti riescono a superare ostacoli che a prima vista sembrano impossibili da affrontare in sella ad una moto, estasiando coloro che non conoscono la disciplina. Anche in questa specialità esiste una variante indoor, dove i piloti si esibiscono su ostacoli artificiali realizzati all'interno di fiere o palazzetti dello sport, utilizzando grossi tronchi, enormi pneumatici e blocchi di cemento, per creare zone molto spettacolari e difficili. In queste competizioni il gesto atletico dei piloti raggiunge livelli incredibili e solo i migliori riescono a superare gli ostacoli del tracciato.

Per la sua spettacolarità e per l'uso di mezzi meccanici relativamente silenziosi, il trial si presta anche come spettacolo fine a se stesso e molte volte i piloti sono chiamati ad esibirsi in occasione di feste o ricorrenze, riscuotendo unanime apprezzamento per la loro capacità e bravura.

Per affrontare questa disciplina, oltre ad una buona forma fisica, occorre molta pratica in sella alla moto per acquisire quella padronanza del mezzo indispensabile per affrontare ostacoli altrimenti pericolosi senza un adeguato allenamento.

12/04/2008
(modificato il 30/01/2009)


Parole chiave: